FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
FMR - Loader
Franco Maria Ricci Editore
I Segni dell'Uomo

Gnoli

Il Bestiario di Aloys Zötl (1831-1887)

Vittorio Sgarbi. Testi di: Italo Calvino, Vittorio Sgarbi, Claude Spaak
1983 / 232 PAGINE. Lingua: Edizione italiana
Le astrazioni desunte dall’osservazione ravvicinata, amplificata dal talento visivo di Domenico Gnoli, rivivono sulla carta accompagnate da un testo di Vittorio Sgarbi e da una meravigliosa introduzione di Italo Calvino.
Il bottone, col il suo bordo rilevato che ne delimita l’imperturbabile circonferenza, la scarpa con tacco, che si stacca dal terreno con slancio scattante, la camicia, la trama dei tessuti, il mistero d’un letto vuoto, che porta ancora l’impronta di chi vi ha dormito sopra (o passato una notte insonne). Immagini che costituiscono solo una parte dell’universo visivo di Domenico Gnoli; un artista che ha intercettato il gusto nascente della pop art filtrandolo attraverso una sensibilità poco convenzionale.