rosa rossa franco maria ricci

Addio Franco Maria Ricci, creatore di Labirinti

Giovedì 10, in un bel giorno di fine estate, dopo un ultimo pranzo en plein air, Franco Maria Ricci, editore, grafico, collezionista e bibliofilo, si è assopito in modo durevole nella sua casa di Fontanellato, in provincia  di Parma.

Aveva 82 anni.

Lascia alcuni libri fra i più belli che sia dato vedere; lascia anche un Labirinto, metafora delle molte perplessità che l’Universo alimenta.

Se nei prossimi giorni gli accadrà di incontrare vecchi amici e collaboratori (come

Jorge Luis Borges, Italo Calvino, Umberto Eco, Roland Barthes, Alberto Arbasino …), Ricci, che era credente, non se ne stupirà troppo.

Come editore d’arte è stato un rabdomante impareggiabile di bellezze nascoste.

Non si hanno notizie recenti di qualcuno che gli somigli; sulla sua bara converrebbe forse l’epitaffio di Charles Nodier: “Qui giace / nella sua rilegatura in legno / un esemplare in-folio / della migliore edizione dell’uomo / scritta in una lingua dell’età d’oro / che il mondo non capisce più”.

Lunedì 14 settembre il Labirinto della Masone rimarrà chiuso al pubblico.